Parola al denaro

Quando la magia "svela" il nostro rapporto con il denaro

Parola al denaro

di Gianluca Durno
Spettacoli teatrali, conferenze, un premio letterario e anche una playlist scelta dagli studenti per fare da colonna sonora al party di fine anno. L’importante è che tutto ruoti attorno a una parola: il denaro. Questo è, infatti, l’argomento scelto dall’università Iulm per raccontare il 2019. E “Word of the Year. Denaro” è l’evento che l’ateneo ha organizzato per cercare di affrontare in ogni suo aspetto questo tema di grande attualità. Dall’uscita dell’Italia dalla moneta unica europea e il desiderio di tornare alla lira, fino alle difficoltà delle famiglie di arrivare in fondo al mese, i soldi soo costantemente presenti nelle vite degli italiani. Studenti e professori sono stati chiamati per confrontarsi ed elaborare idee per scavare nel profondo dei significati che la parola “denaro” porta con sé. L’università della Comunicazione ha organizzato un programma per tutto l’anno accademico che comprende masterclass, un concorso letterario, incontri e spettacolli teatrali. Giovedì 9 maggio, giorno della festa, alle 18:30 all’auditorium di via Carlo Bo 7 va in scena la pièce teatrale Soldout. Nata da un soggetto di Massimo Bustreo, docente della IULM di psicologia della comunicazione audiovisiva, è il racconto di tre persone finite su un’isola deserta e di un sogno: quello di creare una società fondata sull’assenza del denaro.
I ragazzi, e anche i professori, potranno proporre proprie idee originali. Ne è un esempio un altro spettacolo teatrale, nato dall’ispirazione di Edoardo Ares, studente dell’ateneo e prestigiatore professionista di fama mondiale, dal titolo Neuromagia (andato in scena lo scorso 21 marzo).

da: TUTTOMILANO di Repubblica (9 maggio 2019)

Tags: , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *